Ristoranti for dummies

La snob australian edition

Ho cercato di essere poco autobiografica in questo blog. Si tratta pur sempre del mio punto di vista ma spesso con la licenza della scrittura libera mi sono permessa di usare l’immaginazione. Ultimamente non riesco neanche a trovare le energie per confondermi con me stessa e la mia fantasia si affievolisce davanti ad una stanchezza mentale e fisica a cui sto incominciado ad abituarmi ma che ancora mi lascia esausta. Tuttavia,

Bucato con vista

La snob australian edition

È ancora troppo presto. Il tempo sul calendario scorre inesorabile mentre quello percepito avanza lentamente. Le giornate si rincorrono tra turni in ristorante, la ricerca di una casa che abbia la finestra sulla tangenziale di Sydney e la voglia di esplorare non solo la cittá ma soprattutto tutto quello che ci sta intorno. È trascorso piú di un mese ma a me sembra ancora troppo presto per capire questo paese, questa nuova cittá ai confini della cartina. Nonostante tutto, camminando, osservando, parlando con le persone, cosa peraltro estremamente facile, mi sono resa conto di alcuni particolari:

Niente di personale

La snob australian edition

Cazzo ma é giá Febbraio.

Un mese. Uno schiocco di dita. Quattro settimane di pura intensitá.

Il primo mese nell’emisfero australe é trascorso tra pratiche burocratiche, esami da superare, pomeriggi in spiaggia, profumo del mare, strade da scoprire e bicchieri da asciugare.

Ho trovato lavoro come cameriera, per dirla alla radical chic sono un’ addetta al servizio in esercizi pubblici. Tecnicamente parlando runno (porto ai tavoli) i piatti e i drinks, asciugo bicchieri e posate, prendo ordinazioni, riempio bicchieri con acqua del rubinetto, apparecchio e sparecchio, faccio due risate e cammino e parlo tanto. In questo lavoro il contatto umano é essenziale insieme al sorriso e ad una certa velocitá di riflessi. Ad ogni modo anche se ti senti speedy gonzales per gli altri sarai sempre troppo lento. Detto ció, lavorare con i clienti, dove i clienti sono lá davanti a te e non dall’altra parte della cornetta mi ha fatto riflettere molto.

First social australian impressions

La snob australian edition

Da animale sociale quale mi considero non potevo far finta di niente. L’Australia si presenta differente da Berlino. Due cittá, due storie, due continenti, due emisferi differenti. Inevitabile. La fauna urbana di conseguenza presenta caratteristiche, atteggiamenti, fisionomie diverse. Ogni singolo giorno mi si presenta davanti la possibilitá di compiere un’analisi sociale a cielo aperto. Interessante.
Per esempio: